Anche Disney prepara tagli al personale

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram

La crisi bussa in casa Disney. Che ci fosse aria bassa lo si poteva constatare osservando i risultati dell’ultimo trimestre che hanno visto una perdita quasi doppia rispetto al trimestre precedente nel solo comparto streaming, e si prospettano tagli al personale. Sebbene infatti Disney+, Hulu e ESPN+ siano riusciti nel compito di superare Netflix come numero di abbonamenti, i dati parlano di un rosso operativo di 1,5 miliardi di dollari negli ultimi tre mesi.

Potrebbe interessarti anche: Disney batte Netflix per numero di abbonati

Disney-crisi-licenziamenti

Bob Chapek, il CEO di The Walt Disney Company, in diverse occasioni ha ribadito che il principale obiettivo aziendale è quello di fare in modo che la divisione streaming inizi a produrre utili nel 2024. Ma se era prevedibile un inizio in passivo considerati gli enormi investimenti effettuati per lo start di Disney+, gli ultimi dati sembrano aver destato le preoccupazioni degli azionisti già da un po’ non proprio entusiasti.

Se aggiungiamo i rumors che descrivono rapporti molto tesi tra Chapek e l’ex Amministratore Delegato Bob Iger – molto critico sulla gestione aziendale dell’ultimo biennio – capiamo che non siano tempi floridi per la Disney.

Disney, tagli al personale e investimenti più efficienti

Ecco quindi che in questa ottica non sorprendono le recenti dichiarazione di Bob Chapek:

Assumeremo decisioni difficili e scomode. Nel processo di revisione dei costi guarderemo a tutte le strade percorribili per individuare risparmi e anticipiamo che potrebbero esserci riduzioni dello staff.

Potresti leggere Disney+ con pubblicità, l’abbonamento diventa più economico?

chapek-disney-capitol-hill
Topolino e Bob Chapek

Non è stato ancora indicato nessun numero riguardo ai tagli di personale. Per ora si sa che il processo di riduzione dei costi sarà portato avanti da una task force creata ad hoc. Chapek ha inoltre anticipato che cospicui tagli interesseranno le spese legate alle produzioni e al marketing. Secondo il CEO la qualità non deve essere intaccata ma gli investimenti devono essere più efficienti in modo da produrre benefici tangibili per il pubblico e la società.

Francesca Arca

Immagini: ©Disney ©Coolcaesar (per l’immagine di copertina)

fonte: ansa.it

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram

Ultimi articoli

Articoli correlati

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di Ventenni Paperoni.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com

Ogni settimana articoli, consigli di lettura e curiosità! Rimani sempre aggiornato comodamente con la nostra newsletter