Encanto, il magico e colorato 60° Classico Disney

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

¡Abreìs los ojos!Encanto, il 60° Classico Disney diretto da Byron Howard e Jared Bush, insieme alla co-regista Charise Castro Smith, è al cinema dal 24 novembre. Il film non ha deluso le aspettative create dai diversi trailer e ha aperto la porta di un mondo luminoso, colorato e ricco di musica, rivelandosi magico e toccante.

Si ricorda che l’articolo riflette solo l’opinione personale dell’autore, e non tutti potrebbero essere d’accordo. Per chi invece avesse voglia di saperne di più, consigliamo di visitare direttamente la casita della famiglia Madrigal, entrando in contatto con la magia, i colori e la musica che la caratterizzano.

¡Hola, Casita!”: la storia di Encanto e della famiglia Madrigal

Mentre è in fuga dagli invasori per le montagne della Colombia, Alma “Abuela” Madrigal subisce la perdita del marito Pedro, che viene ucciso cercando di proteggere lei e i tre figli Julieta, Pepa e Bruno. Improvvisamente, grazie a un miracolo, la candela che Abuela regge si illumina e sprigiona una magia che crea il piccolo e speciale villaggio di Encanto, nascosto in una valle tra le montagne. A sorvegliare il paesino vi è la casa di Abuela, la quale si rivela essere magica: grazie a essa e al potere della candela, i tre figli ricevono dei doni unici coi quali possono proteggere il villaggio e aiutare la comunità.

Molti anni dopo la famiglia Madrigal è cresciuta. Julieta e Pepa hanno sposato rispettivamente. Agustìn e Félix e sono rimaste a vivere nella casa di Abuela, assieme ai loro figli, i giovani Madrigal: Luisa, Isabela e Mirabel, figlie di Julieta, e Dolores, Camilo e Antonio, figli di Pepa. Anche loro hanno ricevuto dei doni speciali, come le loro madri. Il terzo fratello, Bruno, pare invece “abbia smarrito la via” e quindi nessuno deve nominare il suo nome…

Potrebbe interessarti anche: La lista completa dei Classici Disney

La famiglia Madrigal
La famiglia Madrigal!

La speciale protagonista: Mirabel

La protagonista della storia è la giovane Mirabel, una ragazza che ama la sua famiglia, sempre solare, curiosa e sorridente, almeno in apparenza…

Mirabel è infatti l’unica a non aver ricevuto alcun dono speciale dalla casa, mentre le sue sorelle e i suoi cugini, persino il piccolo Antonio, hanno sviluppato i loro talenti. Per quanto ne soffra, la ragazza cerca in tutti i modi di partecipare attivamente alla vita familiare. Nonostante il suo entusiasmo, molti membri, tra cui la stessa Abuela, la ritengono quasi un peso e arrivano a escluderla.

Mirabel y Julieta

La sera in cui il giovane Antonio riceve il suo talento, Mirabel nota delle crepe nella casa e capisce che qualcosa non va. Allarmata, ne parla con la sua famiglia, la quale però non vede alcun problema e pensa che la ragazza si sia inventata tutto. Ma in realtà qualcosa di oscuro sta per accadere: la magia si sta infatti indebolendo e Mirabel decide di intervenire. Comincerà quindi a vivere una serie di avventure che la porteranno a scoprire diversi segreti sulla famiglia e su se stessa.

Mirabel
La giovane e coraggiosa Mirabel

Riuscirà Mirabel, con le sue sole forze, a salvare la casa, la magia e la sua amata famiglia?

Ma chi sono i membri della famiglia Madrigal?

La famiglia Madrigal è certamente unica nel suo genere! Scopriamo chi sono i suoi componenti.

La matriarca è Alma “Abuela” Madrigal, la quale non possiede alcun dono, ma è la custode della candela magica. I suoi figli sono Julieta, che prepara cibi in grado di guarire qualsiasi ferita o malattia, Pepa, capace di controllare il tempo con l’umore (talvolta con esiti disastrosi), e Bruno, il quale ha la facoltà di vedere nel futuro.

Julieta e suo marito Agustìn hanno avuto tre figlie. La primogenita è Luisa, dotata di una forza sovraumana e di un fisico eccezionale. Segue Isabela, emblema della grazia, capace di controllare e creare i fiori. La sorella minore è Mirabel, la quale non possiede alcun talento, ma ha un cuore d’oro, è generosa e altruista.

Anche Pepa e suo marito Félix hanno avuto tre figli: Dolores, dotata di un super udito, Camilo, capace di trasformarsi in qualunque persona egli conosca, e il piccolo Antonio, in grado di comunicare con gli animali.

Una cosa è sicura: con una famiglia così particolare non ci si annoia!

Potrebbe interessarti anche: Le 10 migliori spalle dei Classici Disney

La famiglia di Mirabel

I temi di Encanto, magico Classico Disney

Il film è certamente pensato per i bambini, ma tratta, in maniera non pesante, diverse tematiche capaci di far riflettere anche un pubblico adulto. La più lampante è senza dubbio l’importanza dell’unione familiare: come in molti altri film la Disney ricorda, in modo dolce ma non esageratamente stucchevole, quanto sia fondamentale che in famiglia si resti uniti e compatti. Possono esserci screzi, difficoltà e incomprensioni, ma restando insieme si riescono a superare tutti i problemi, pur con fatica. L’importante per una famiglia è non dimenticare mai di essere tale, perché è questo a renderla speciale e unica nel suo genere.

L’altra tematica portante di Encanto è l’accettazione, non solo di se stessi, ma anche della diversità, aspetto ricorrente in un Classico Disney. La mancanza di poteri di Mirabel è il punto di partenza per una doppia riflessione riguardo la tematica, estendibile in seguito anche agli altri personaggi: da una parte, infatti, la famiglia tende a escludere la ragazza, dall’altra lei stessa è frustrata e vive questa situazione con estremo disagio, senza rendersi conto delle altre stupende qualità che la contraddistinguono, come l’altruismo, la generosità e la bontà d’animo. In maniera toccante e delicata il film ci ricorda quanto sia importante che ciascuno di noi trovi il proprio percorso, e sviluppi le sue capacità, anche se talvolta significa non essere conformi alla realtà circostante e non soddisfare le aspettative altrui.

Il messaggio che viene trasmesso è quindi allo stesso tempo semplice e fondamentale: ognuno è a modo suo straordinario nonché unico, e ha diritto al suo posto nel mondo.

Una terra magica dalle tradizioni musicali ancestrali: la Colombia

La storia si svolge in Colombia, paese dalle molteplici tradizioni ancestrali e misteriose. Per riprodurre un’ambientazione quanto più possibile fedele all’originale, nonché omaggiare una terra così ricca culturalmente, il team di produzione del 60° Classico Disney ha effettuato un viaggio nel 2018 alla scoperta degli usi, dei costumi e dell’arte colombiani. Numerosi sono quindi i riferimenti alla cultura del paese, primo fra tutti la musica: le canzoni del film, e più in generale la colonna sonora, hanno infatti dentro di sé un po’ di reggaeton, salsa, cumbia e mapale, tutti ritmi tipici della Colombia. Lin-Manuel Miranda, che ha curato le musiche di Encanto (altro notevole punto di forza del film), afferma peraltro di essersi ispirato al genere del vallenato, tipico della valli e delle regioni caraibiche del paese.

La musica ha quindi un ruolo fondamentale nel film, a partire dal cognome dei protagonisti, chiaro riferimento alla composizione del madrigale, per arrivare alle numerose canzoni presenti nel corso della narrazione. Piccola curiosità: nella versione italiana, uno dei brani, Dos Oroguitas, è eseguito dal cantante Alvaro Soler, anche doppiatore di Camilo, il quale si è dichiarato grande appassionato dei film Disney e quindi entusiasta nel ricoprire questi incarichi.

Alvaro Soler

Altri elementi di cultura colombiana nel 60° Classico Disney

Anche la cultura materiale colombiana viene ben rappresentata: dall’architettura ai fiori, fino alla cucina e ai colori, tutto sembra essere frutto di un minuzioso lavoro di ricerca. La casita in cui è ambientata la storia è infatti la perfetta riproduzione di una casa coloniale del Sud America, mentre i cibi, come la arepa con queso, appartengono alla tradizione culinaria colombiana. Il risultato, visibile nel film, è davvero sorprendente. Lo spettatore s’immerge infatti in un universo talmente luminoso e colorato da poter addirittura, con un po’ di immaginazione, sentire il profumo dei fiori, nonché il sapore dei cibi lì presenti. I registi affermano peraltro di essersi ispirati, per quanto concerne le leggende e gli aspetti mistici, anche alla corrente del Realismo Magico, rappresentata in Colombia dal celebre scrittore Gabriel Garcìa Marquez.

Puntuale e fedele è, infine, il riferimento alle diverse etnie. La Colombia è, dal punto di vista etnico, un vero e proprio melting pot, o per dirla alla spagnola una mezcla e questa diversità viene quindi ben celebrata nel film: i membri della famiglia Madrigal sono infatti di etnia afro-latina, indigena e meticcia.

Ma quindi? Ne vale la pena di vedere Encanto?

Volendo riassumere, Encanto è a tutti gli effetti una fiaba. Moderna, non convenzionale, forse. Non sono presenti tutti i tratti tipici del genere, ma come tutte le fiabe racconta la storia di un viaggio. Forse la meta non sarà il ritrovamento di un manufatto antico o il salvataggio della principessa di turno, ma, a modo suo, Encanto presenta un viaggio, una ricerca, ossia quella di se stessi. E, molto probabilmente, in questo tipo di ricerca finiamo per riconoscerci di più. A chi non è capitato infatti di sentirsi diverso e, per questo motivo, di voler trovare il proprio posto nel mondo? Quante volte ci sentiamo goffi e impacciati come Mirabel, mentre gli altri paiono perfetti e impeccabili, e non ci rendiamo conto che ognuno ha delle sue qualità e capacità da mettere a frutto?

Encanto racconta quest’unicità di ciascuno di noi, e lo fa in maniera colorata, scherzosa, ma allo stesso tempo delicata e toccante grazie alla storia di Mirabel, la quale dimostra come non si debba possedere superpoteri per essere straordinari. Ancora una volta, quindi, la Disney è riuscita nell’intento di produrre un lungometraggio capace non solo di far sognare ed emozionare, ma anche di riflettere. E di questo non possiamo che essere grati.

E voi che aspettate a entrare in contatto con il magico mondo di Encanto, 60° Classico Disney?

¡Abreìs los ojos!

Potrebbe interessarti anche: QUIZ: Riesci a indovinare il Classico Disney da una sola immagine?

Gran finale
Encanto, nuovo Classico Disney vi aspetta!

Michael Anthony Fabbri

Fonti: Wikipedia, npr.org

Immagini: ©Disney

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ultimi articoli

Articoli correlati

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di Ventenni Paperoni.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com