How to: Pippo protagonista di tre nuovi corti ispirati ai lockdown

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Pippo ritorna in grande stile. Già da sola questa sarebbe una notizia tale da rendere felici tutti coloro che amano il personaggio apparso per la prima volta nel lontano 1932 in Mickey’s Revue. Ma le novità sono moltiplicate almeno per tre visto che è questo il numero dei cortometraggi che saranno rilasciati negli USA su Disney+ in data 11 agosto.

I nuovi corti si propongono di continuare la lunga serie, iniziata nei primi anni ’40 dei cosiddetti “How to…”, che hanno visto Pippo protagonista di comiche avventure alle prese con le attività più disparate. Dalla pesca, al football fino alla danza, Pippo ha saputo farci ridere con i suoi modi goffi e strampalati.

Potrebbe interessarti anche: 5 corti di Pippo da guardare su Disney+

Pippo-How-to-Stay-at-Home

Sparigliando del tutto le carte, in piena era CGI, i Walt Disney Animation Studios ci regalano quindi tre corti che seguono le tecniche di animazione tradizionale e che rimandano al passato nel canovaccio delle ambientazioni, pur raccontando la più stretta contemporaneità. Il nostro Pippo, infatti, si immergerà nell’era dei continui lockdown, parodiando le situazioni che ci hanno visti tutti alle prese con un nuovo modo di trascorrere il tempo e le giornate. How to stay at home, questo è il titolo della serie che includerà i cortometraggi How to Wear a Mask, Learning to Cook, e Binge Watching, la dice lunga su ciò che Pippo dovrà affrontare per farci divertire.

La direzione è affidata al leggendario Eric Goldberg, noto per le animazioni del Genio in Aladdin e la regia di Pocahontas. La supervisione per l’animazione sarà affidata a Mark Henn (La Sirenetta, La Bella e la Bestia) e Randy Haycock (Il Re Leone, Hercules). La produzione è invece di Dorothy McKim.

La voce originale di Pippo sarà come sempre quella del suo doppiatore ufficiale Bill Farmer, mentre la voce narrante sarà di Corey Burton. Non sappiamo ancora nulla su un eventuale doppiaggio italiano.

Potrebbe interessarti anche: In viaggio con Pippo: Classico o non Classico?

Pippo-corti-disney

Pippo “How to Stay at Home” (Spoiler Alert)

Goldberg e McKim hanno gentilmente rilasciato sul sito d23.com alcuni dettagli relativi a ciascuno dei tre episodi con alcuni fun facts che riportiamo:

  • How to Wear a Mask – Pippo si prepara ad affrontare il mondo esterno, indossando la mascherina. Ovviamente la sua proverbiale goffaggine lo vedrà rimanere impigliato in essa prima di riuscire a indossarla correttamente. Goldberg ha ribadito come Pippo sia un personaggio fantastico nella comicità fisica. Ha inoltre ricordato che questo cortometraggio si inserisce nella tradizione degli “How to…” grazie alla voce narrante che descrive come le azioni andrebbero portate avanti correttamente e l’effettivo risultato prodotto invece da Pippo. McKim sottolinea inoltre come l’intento non sia di farsi gioco dell’utilizzo della mascherina bensì solo quello di mostrare il lato più divertente di Pippo. Fun Fact: è stata campionata una simpatica melodia da How to play music del 1942.
  • Learning to cook – Pippo decide di trascorrere il tempo imparando a cucinare qualcosa di buono. Dopo aver ascoltato la voce narrante che afferma che un buon cuoco è colui che sa creare un piatto con tutto ciò che ha a portata di mano, il nostro Pippo è pronto per un disastro culinario di proporzioni epocali. Goldberg racconta che la chiave comica dell’episodio risiede nel tentativo di sottolineare la logica assurda che sottende ogni azione del nostro protagonista. Pippo infatti continuerà a sorridere soddisfatto per tutto l’episodio. Fun Fact: Il vestito di Pippo e la musica utilizzata nel corto sono entrambi citazioni da Mickey’s Birthday Party del 1942.
  • Binge Watching – Pippo si abbandona a una maratona dedicata al suo programma preferito, che lo lascia del tutto ipnotizzato e incapace di distogliere lo sguardo dallo schermo. Nel mentre però deve dimostrare di essere multitasking continuando a svolgere tutte le attività normali della quotidianità in casa. Goldberg anche in questo caso rintraccia l’elemento comico nella fisicità del personaggio di Pippo che in questa specifica occasione si scinde quasi in due parti distinte. La parte superiore del corpo protesa costantemente verso la tv con la stessa espressione nel volto, in contrasto con la parte inferiore che freneticamente svolge mille attività. Fun Fact: McKim ha affermato che in questo episodio la tecnica di animazione tradizionale raggiunge la qualità massima.

Ancora non sappiamo se la data di rilascio, fissata negli Stati Uniti per l’11 agosto, coinciderà anche con la data di rilascio in l’Italia. Restiamo in attesa di ulteriori informazioni.

Potrebbe interessarti anche: Come si chiama Pippo nelle altre lingue?

Francesca Arca

immagini:  ©Disney

fonti: thedisinsider.com d23.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ultimi articoli

Articoli correlati

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di Ventenni Paperoni.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com