Disney+ prende tutto: la company pronta a chiudere 100 dei suoi canali tv

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Disney+ è sempre più in ascesa. Era noto da tempo che Bob Chapek, CEO della multinazionale californiana dell’intrattenimento, stesse attuando un capillare lavoro di riposizionamento della Walt Disney Company sul mercato. La pandemia ha sicuramente affrettato di molto le tempistiche, portando all’iniziale soppressione di una trentina di canali televisivi.

La notizia della chiusura di altri 100 canali tv a marchio Disney, sebbene colpisca gli appassionati, non è quindi da considerarsi una sorpresa. In poco più di un anno e mezzo di attività il servizio streaming fornito da Disney+ ha raggiunto il numero di abbonati che la stessa Disney Media and Entertainment Distribution aveva annunciato di attendersi dopo i primi cinque anni dal lancio della piattaforma.

Potrebbe interessarti anche: Le uscite di giugno su Disney+ e Star – Luca, Loki, Raya e Pride

Disney+

È stato lo stesso Bob Chapek a dare la conferma delle nuove chiusure nella risposta a una domanda specifica che gli è stata posta durante un suo intervento alla J.P. Morgan Global Technology, Media and Communications Conference:

Abbiamo chiuso 30 canali nel 2020. Prevediamo di chiuderne 100 nel 2021. Quindi sì, continueremo e lo faremo a ritmo sostenuto. La gran parte di quei contenuti migrerà su Disney+. Le decisioni che riguardano i singoli canali e le tempistiche di tali operazioni dipenderanno dagli accordi preesistenti sui singoli mercati. Ma tutto ciò continua a essere il cuore della nostra strategia aziendale, orientandoci verso il direct-to-consumer.

Potrebbe interessarti anche: Sony e Disney, accordo sullo streaming per Spider-Man (e non solo)

bob-chapek
Bob Chapek, CEO Disney (foto LaPresse – AP Photo/Kin Cheung)

C’è un’ulteriore considerazione da fare. In molti paesi dell’Est Europa, Africa, Medio Oriente e Asia, Disney+ non risulta ancora disponibile. Possiamo dunque ipotizzare che al momento del lancio della piattaforma streaming in queste zone, il numero dei canali tv in chiusura aumenterà inevitabilmente.

La strada da seguire è quindi più che tracciata. Il colosso di Burbank sottolinea come i consumatori scelgano sempre di più i contenuti online e la società ha intenzione di seguire questa tendenza. D’altronde sembra l’unico modo per continuare la rincorsa a Netflix nella guerra ai contenuti.

Francesca Arca

fonti: whatsondisneyplus.com DisneyTVANews

©Disney ©DisneyTVANews ©LaPresse – AP Photo/Kin Cheung

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ultimi articoli

Articoli correlati

luca pixar

Ma quindi com’è Luca?

Il 18 giugno è sbarcato su Disney+ il 24° lungometraggio Pixar, Luca. Una storia che parla di amicizia, di infanzia, di crescita, con allo sfondo la splendida riviera ligure

Leggi tutto »

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di ventennipaperoni.com.

L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com