No, Disney+ non ha eliminato o censurato nessuno dei Classici Disney

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Davvero c’è stata una censura dei Classici su Disney+?
In questi giorni sono stati parecchi i titoli di articoli di giornali e di blog, anche famosi, che hanno annunciato la presunta censura, o addirittura l’eliminazione dal catalogo di Disney +, di alcuni noti Classici Disney. Nel mirino sarebbero finiti titoli come Dumbo, Gli Aristogatti e Peter Pan. I commenti indignati sono caduti a pioggia, per il “bollino rosso” imposto al Classico Disney tanto amato durante l’infanzia, e la notizia si è diffusa rapidamente.

Classici Disney+ Dumbo stereotipi censura
In Dumbo (1941) i corvi che aiutano l’elefantino a volare sono frutto di una rappresentazione caricaturale e offensiva verso gli ex-schiavi neri delle piantagioni dell’America del Sud

Le cose non stanno proprio così, e i titoli divulgati non rendono giustizia a una situazione più complessa. Nessun Classico è stato censurato o eliminato da Disney+.

Potrebbe interessarti anche: Disney+ segnala i contenuti razzisti in molti Classici

La segnalazione dei contenuti razzisti all’interno dei Classici Disney

Disclaimer Classici Disney+

Già a ottobre dell’anno scorso la piattaforma streaming della casa di Topolino aveva deciso di predisporre un disclaimer d’avviso prima della riproduzione di alcuni Classici dal contenuto, per così dire, problematico:

“Questo programma include rappresentazioni negative e/o offese a persone e culture. Questi stereotipi erano sbagliati allora e lo sono oggi. Piuttosto che rimuovere questo contenuto, vogliamo riconoscere il suo impatto dannoso, imparare da esso e stimolare la conversazione per creare un futuro più inclusivo insieme.

Disney si impegna a creare storie con temi ispiratori e ambiziosi che riflettano la ricca diversità dell’esperienza umana in tutto il mondo”

Il disclaimer, che appare prima di film come Lilli e il Vagabondo o Gli Aristogatti, avverte lo spettatore della presenza di rappresentazioni stereotipate di etnie e persone, giudicate offensive. Una decisione in linea con una più moderna e rispettosa sensibilità verso la preziosa diversità socio-culturale presente nelle nostre società pluraliste.

Classici Disney+ stereotipi aristogatti

La modifica del rating dei Classici Disney+

Dopo ottobre, la Walt Disney Company ha però deciso di modificare di nuovo la gestione di tali contenuti, poi tacciati di “censura”.

Classici Disney+ Censura Peter Pan

Tali provvedimenti riguardano al momento solo il catalogo Disney+ del Regno Unito (l’Italia sembrerebbe esclusa al momento, ma è probabile che si adeguerà in futuro) e comportano la sola modifica del rating del film Disney in questione (ad esempio Peter Pan). Attualmente, in base al Centro di Assistenza di Disney+, la suddivisione dei film in base al rating avviene per queste fasce:

RatingDescription
0+Suitable for all ages
6+Some scenes may be unsuitable for children under 6
9+Some scenes may be unsuitable for children under 9
12+Some scenes may be unsuitable for viewers under 12
14+Some scenes may be unsuitable for viewers under 14
16+Some scenes may be unsuitable for viewers under 16 

Classici come Dumbo, Peter Pan o Gli Aristogatti, in passato al centro di polemiche per l’aggiunta del disclaimer iniziale, non sono stati censurati o peggio ancora cancellati, ma hanno subito una semplice modifica del rating, passando dalla fascia di raccomandazione a spettatori di età dai 0+ anni a 6+.

Potrebbe interessarti anche: La lista completa dei Classici Disney

I Kids profiles e il Parenting control

Ciò ha avuto come immediato effetto l’esclusione di alcuni Classici dai cosiddetti Kids Profiles, i profili accessibili direttamente dai bambini senza supervisione di un adulto, il cui catalogo è composto solo dai contenuti con un rating 0+.

Classici Disney + kids profiles stereotipi

Il contenuto di ogni Classico su Disney+ rimane quindi invariato, incensurato e facilmente accessibile da ogni utente. Sono parecchi, in realtà, i film e le serie tv Disney con un rating superiore a 6: film Pixar (Soul, per esempio), serie animate (DuckTales) o Classici (Moana). Niente di nuovo.

Il profilo per bambini può essere facilmente creato dal menù dell’applicazione della piattaforma streaming, e da questo febbraio permetterà un Parenting control ancora più efficace: i profili per “adulti” (o meglio standard), potranno essere bloccati tramite un PIN, e resi inaccessibili per il bambino (che non ne conosce il codice).

I Classici su Disney+ sono rimasti invariati

Spetta quindi al genitore decidere se rendere pienamente accessibile al proprio figlio i contenuti con un rating diverso da 0+.

In base a quanto detto, risulta chiaro che le polemiche sorte in questi giorni in merito a presunte censure, “bollini rossi” o scene tagliate siano infondate. I nostri amati Classici Disney risultano, in sostanza, intonsi.

Classici Disney + Aristogatti stereotipi

Il tema dell’entità della dannosità sociale dei film Disney più datati continua ad alimentare i dibattiti online. La decisione di cosa fruire dal catalogo Disney+ e la valutazione e dei loro contenuti rimane però ancora affidata al singolo spettatore, e, in particolare, al genitore.

Antonio Glide Manno

Potrebbe interessarti anche: Secondo Dafne Keen i Classici Disney sono nocivi per le ragazze

Immagini © Disney

Fonti: Il Mattino, Centro Assistenza Disney+, TGCOM24, Matioski, Regno Disney

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ultimi articoli

Articoli correlati

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di Ventenni Paperoni.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com