Perché George Lucas ha venduto Star Wars a Disney?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Era la fine del 2012 quando George Lucas firmò un contratto da capogiro con la Disney per la vendita dei diritti su una delle saghe cinematografiche più amate di sempre: Star Wars.

Per la modica cifra di quattro miliardi di dollari la Disney mise le mani sullo sfruttamento della saga giunta fino ad allora alla seconda trilogia, quella dei prequel.

George-Lucas-Disney

Non entreremo nelle ormai annose diatribe che dividono da decenni i fan di Star Wars. Non ragioneremo quindi su quale trilogia sia la più amata. Abbiamo comunque una certezza data dall’evidenza: la terza e ultima trilogia è quella più criticata

Potrebbe interessarti anche: The Mandalorian: 5 cose che (forse) non sapevate

I fan lamentano infatti che l’acquisizione della saga da parte della Disney sia stata una iattura. Il colpevole? George Lucas, accusato di aver ceduto al richiamo del denaro, lasciando che Star Wars venisse snaturato.

Anche in questo caso non ci interessa mettere in luce la polemica. Piuttosto è interessante constatare, proprio attraverso le parole dello stesso George Lucas, come la vendita non sia stata motivata solo da una questione economica.

george-lucas-moglie-figlia
George Lucas con la moglie Mellody e la figlia Everest

La famiglia prima di tutto

La dichiarazione è inserita nel libro Star Wars Archives, 1999-2005 di Paul Duncan edito da Taschen GmbH. Riportiamo l’estratto così come pubblicato dal sito everyeye.it:

Nel 2012 ero già in là con gli anni, quindi la domanda era: “Continuerò a fare questo lavoro per il resto della mia vita? Voglio di nuovo buttarmi nell’impresa?”. Alla fine, ho deciso che avrei preferito crescere mia figlia e godermi la vita per un po’. Avrei potuto decidere di non vendere LucasFilm e convincere qualcun altro a dirigere le varie produzioni, ma sapevo che quella mossa non sarebbe stata la pensione. In The Empire Strikes Back e Return of the Jedi ho cercato di stare alla larga dal grosso del lavoro, ma allora non ci riuscii. Sono stato sul set di quei film praticamente tutti i giorni, perché sono un perfezionista e non posso farci niente. Quindi ho pensato che avrei dovuto rinunciarci totalmente, solo così mi sarei potuto godere quello che avevo. E, davvero, non vedevo l’ora di crescere mia figlia. Ho passato la mia vita a creare Star Wars, qualcosa come 40 anni, e rinunciare alla mia famiglia è stato molto, molto doloroso. Ma era la cosa giusta da fare.

La motivazione è quindi, secondo le parole di Lucas, strettamente personale. La vendita dei diritti di Star Wars coincise infatti con la decisione di sposare Mellody Hobson, sua compagna già da tempo, e di avere una bambina, la piccola Everest. Arrivato a quasi settant’anni d’età, George Lucas ha deciso di dedicarsi alla famiglia. A otto anni di distanza la Disney ringrazia, i fan forse un po’ meno.

Francesca Arca

Potrebbe interessarti anche: The Mandalorian, parte del fandom chiede il licenziamento dell’attrice Gina Carano

fonti: everyeye.it

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ultimi articoli

Articoli correlati

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di ventennipaperoni.com.

L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com