Addio a Marge Champion, la ballerina che ispirò Biancaneve

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Si è spenta all’età di 101 anni Marge Champion, la ballerina che ha ispirato la creazione di personaggi come Biancaneve e la Fata Turchina di Pinocchio. A dare la notizia sono stati suo figlio, con cui la ballerina ha vissuto negli ultimi sei mesi della sua vita, e il maestro di danza Pierre Dulaine.

Marge Champion Biancaneve

La vita di Marge Champion

Marjorie Celeste Belcher, questo il vero nome della donna, nacque il 2 settembre 1919 a Los Angeles. Cominciò a ballare da bambina nella scuola di danza di suo padre a Hollywood. Notata per la sua grazia ed eleganza nelle movenze, venne scelta dalla Walt Disney Animation Studio nel 1936 come modella. Serviva infatti una modella in carne e ossa per permettere ai disegnatori di ricreare nel modo più realistico possibile i movimenti della protagonista del primo classico dell’animazione completamente a colori: Biancaneve.

Potrebbe interessarti anche: Top 5 comparse memorabili nei Classici Disney

Marge Champion 2

Il personaggio basato sulla sua figura diventò il modello delle principesse successive. Fu la modella anche della Fata Turchina di Pinocchio (1940), l’ippopotamo ballerino di Fantasia (1940) e Mr Stork di Dumbo (1941).

Marge Champion

Agli Studios della Disney conobbe il suo primo marito, l’animatore Art Babbitt, con cui si sposò nel 1937. Il loro matrimonio durò solo tre anni e già nel 1947 si sposò con Gower Champion, il ballerino e coreografo con cui iniziò a danzare nei film musicali della Metro-Goldwing-Mayer come Show Boat (1951) e Assedio d’amore (1950). Dopo il divorzio, avvenuto nel 1973, si sposò con il regista Boris Sagall nel 1977, adottando anche i suoi cinque figli. Il regista morì in un incidente sul set nel 1981.

Marge Champion 3
Marge e Gower Champion nel 1957. ©Wikipedia

I suoi ultimi due film, Hollywood Party Un uomo a nudo, risalgono al 1968. Risale invece al 1943 il suo debutto sui palcoscenici di Broadway, in cui continuò a recitare fino al 2001. Ebbe successo anche come coreografa per il teatro, il cinema e la televisione, vincendo nel 1975 un Emmy Award per le migliori coreografie con il film Queen of the Stardust Ballroom. 

Ginevra Emilia Carrero Meglio

Fonti: Il Fatto Quotidiano

Copyright©: ilMessaggero/Il Fatto Quotidiano/Disney

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ultimi articoli

Articoli correlati

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di ventennipaperoni.com.

L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com