Non è un segreto che i film d’animazione degli studi di Burbank riescano spesso a toccare il cuore degli spettatori, grazie alla loro perizia nell’animare, dare voce e vita a storie ormai diventate immortali, entrate nel bagaglio culturale ed emotivo di tutti. E qual è il tema più importante di tutti, su cui, volenti o nolenti, si intreccia l’esistenza di ognuno di noi in tutte le sue sfumature, se non l’Amore?

Omnia vincit amor: le Canzoni d’Amore Disney

I Walt Disney Animation Studios hanno spesso affrontato il tema romantico, così essenziale eppure così sfuggente, con la magia e la bellezza che solo un cartone animato può regalare. L’Amore animato trova la sua apoteosi nelle dolci e delicate canzoni che attraverso il perfetto connubio di musica, poesia, animazioni, (e forse meglio di tanti altri media) riescono a dipingere in modo semplice e immediato un sentimento così universale. Nell’articolo di oggi vi proponiamo le 7 più belle Canzoni d’Amore Disney, secondo il nostro personale parere.

Dolce Sognar Lilli e il Vagabondo (1955)

Dolce Sognar, in originale Bella Notte, è tra le più note Canzoni d’Amore Disney. È la perfetta serenata romantica, con tanto di mandolino e fisarmonica, che accompagna i primi momenti di tenerezza dei due protagonisti, fino all’iconico momento del bacio, mentre consumano lo stesso spaghetto. Una scena entrata a far parte della storia del cinema e dell’animazione con lo sfondo di un familiare panorama urbano americano, ma sulle note e suggestioni tutte italiane.

Baciala La Sirenetta (1989)

Con Baciala (Kiss The Girl) il crostaceo Sebastian, novello cupido, tenta di far scoccare la scintilla tra il principe Eric e Ariel, chiamando a raccolta tutta la fauna locale in suo soccorso. Seppur non paragonabile alla splendida Part of Your World, la scena è intima e romantica, nonostante le incursioni di Scuttle e le piccole gag, immersa nella natura complice di una splendida laguna decorata di lucciole. La dolcezza della titubanza di due giovani che esitano a dichiararsi.

Il mio nuovo sogno Rapunzel – L’intreccio della torre (2010)

Il mio nuovo sogno (I See the Light) descrive desideri e speranze, intrecciati in questa scena dal forte impatto visivo ed emotivo. Rapunzel finalmente osserva da vicino quelle luci che, da piccola, poteva solo sbirciare da lontano. La ragazza ha finalmente conosciuto la libertà, dopo una vita di reclusione, ma questo sogno realizzato non è la fine, ma un nuovo inizio, una nuova avventura da vivere con Flynn. L’esperienza infatti non ha cambiato solo Rapunzel, ma anche il ladro, che ha trovato finalmente la sua strada, da percorrere insieme alla giovane. 

Io lo so La bella addormentata nel bosco (1959)

Sulle note della dolce melodia di Io lo so (Once Upon A Dream) si svolge il primo incontro, il colpo di fulmine tra Aurora e Filippo. Nell’incantevole paesaggio boschivo sorge un sentimento puro, quasi onirico. I due innamorati sono legati dal destino e da un amore ideale, che inspiegabilmente sembra precederli, seppur potente e onesto. Una danza indimenticabile dalle movenze eleganti, con un’animazione fluida, che immortala un amore da favola, una delle più dolci e idilliache Canzoni d’Amore Disney.

La bella e la bestia La Bella e la Bestia (1991)

La bella e la bestia (Beauty and the Beast), interpretata da Angela Lansbury nella versione originale americana, è la canzone fulcro del film d’animazione, vincitrice di un Golden Globe e un Premio Oscar come Miglior Canzone Originale. La canzone descrive la relazione tra i protagonisti, prima ostile, che col tempo matura, cresce, e nelle debolezze e nei pregi di ciascuno trova la sua armonia e mette radici, oltre le apparenze. Tra le più belle storie d’amore raccontate dai Walt Disney Animation Studios (forse la migliore), La Bella e la Bestia ci regala una favola che scalda i cuori, inaspettatamente adulta, con una scena memorabile grazie anche alle scelte di regia e alle sperimentazioni con la CGI nella spettacolare e vorticante sala da ballo. 

Il mondo è mio Aladdin (1992)

Il mondo è mio (A Whole New World) è probabilmente il più apprezzato e coinvolgente duetto romantico Disney. Lo straccione Aladdin si finge un ricco principe per corteggiare Jasmine, offrendole uno sguardo inedito del mondo che da sempre, chiusa nella sua reggia, anela esplorare. Mentre i due viaggiano per paesi lontani (che Aladdin finalmente disvela alla principessa) questo primo assaggio di libertà, nonostante l’inganno, lascia spazio all’amore. Il sentimento è travolgente, che sboccia tra due giovani spensierati. È la prima fase dell’amore, fatta di gioia ed euforia, che esplode con una libertà senza vincoli che non vale il bene più prezioso custodito nei forzieri del palazzo reale. Anche Il mondo è mio vinse un Golden Globe e l’Oscar come Migliore Canzone.

L’amore è nell’aria stasera Il re leone (1994)

L’amore è nell’aria stasera (Can You Feel The Love Tonight) descrive l’incontro tra Simba e Nala, due vecchi amici d’infanzia, che dopo molti anni si scoprono adulti e diversi. La scena può essere concepita come la riuscita sintesi dell’evoluzione di un rapporto profondo, dalla tenerezza dell’infanzia alla complessità dell’età adulta. Un legame che nelle sue diverse fasi (che, metaforicamente, si susseguono nelle scena) si rivela essere un sentimento romantico, complice, forte e armonioso. Così, tra il gioco e gli scherzi (che rendono la scena meno zuccherosa, anzi molto più spontanea) lo spettatore viene travolto da questo amore profondamente umano. Nelle difficoltà di Simba ad aprirsi a Nala, nel rivelarle gli spettri del suo passato e temendo la sua reazione. Ma anche nel desiderio della leonessa di comprendere a fondo Simba, stringendo così tra i due una relazione preziosa, di tenerezza e complicità.

Just to be with you

La bellezza del legame tra Simba e Nala si esprime con un’animazione avvincente in scenari naturali mozzafiato, dal fascino selvaggio e libero come i due innamorati. L’amore è nell’aria stasera vide Tim Rice ai testi e Elton John alla musica, e nel 1995 vinse (meritatamente) anche un Golden Globe e un Premio Oscar per la Migliore Canzone Originale. Tra le caratteristiche della scena che colpiscono di più vi è il riuscito dialogo non solo tra parole e musica, ma anche tra i diversi momenti animati rappresentati. Un’attenta dosatura di sguardi, primi piani, campi lunghi e medi, e spazi aperti, che incorniciano un amore profondo e genuino, godibilissimo sia per i bambini che per gli adulti, tra i più toccanti tra quelli raccontati da un Classico Disney. 

Menzione d’Onore) Married Life Up (2009)

Non era possibile non citare, parlando di amore nei film Disney, Carl ed Ellie del film Pixar Up (2009). Married Life, più che far parte delle Canzoni d’Amore Disney, è una composizione musicale malinconica e romantica. Valse un Grammy al suo autore Michael Giacchino (oltre all’Oscar e al Golden Globe come Miglior Colonna Sonora). Senza neanche una parola, il flashback che corre sulle note della composizione è così perfetto e compiuto nella sua interezza da poter essere tranquillamente apprezzato anche scisso dal film d’animazione. Un capolavoro che ritrae in maniera struggente e profonda l’amore di una vita, quello di Carl ed Ellie, nell’arco di tutta la loro esistenza. Tra gioie e dolori, piccoli momenti di intimità, incidenti e la costante certezza di avere trovato la propria perfetta metà.

Menzione Speciale) Ti vada o no – Hercules (1997)

In Ti vada o no (I Won’t Say I’m in Love), è solo Megara a cantare e per di più con il preciso scopo di soffocare, smentire il sentimento che sente crescere in lei per Ercole, uscito di scena da poco. La ragazza infatti è già stata delusa e ferita in passato, e nel conflitto tra cuore e ragione ha preferito freddamente seppellire anche solo l’idea di amare nuovamente. Una canzone d’amore certo atipica, che mette in luce una prospettiva diversa (per certi versi più realistica) rispetto a quella a cui siamo abituati, arricchita però dalle divertenti incursioni del coro Gospel. Le Muse cercano di aprire il cuore di Meg e farle ammettere ciò che già in fondo sa, ma si ostina a negare.

Bonus) La canzone di GastonLa Bella e la Bestia (1991)

Le sperticate lodi di Le Tont per Gaston non possono essere considerate tra le più sincere ed esagerate parole d’amore pronunciate in un Classico Disney? La menzione è ovviamente ironica, ma non possiamo fare a meno di sorridere di fronte alla gratuita profusione di elogi del meschino e amorfo valletto per il Cattivo probabilmente più misogino, tossico maschilista, ignorante, superficiale, violento e perfettamente stereotipato villano apparso in un film d’animazione Disney. Un personaggio capace di amare solo se stesso.

Antonio Manno

Immagini : © Disney

Antonio Glide Manno

Studente, è appassionato di fumetti disney dall'età prescolare. Di natura malinconica ed apparentemente quieta, tra le altre cose ama Kingdom Hearts e One Piece. Odia il cocco e i fagiolini.