La prima storia del Papersera | La mia prima volta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Zio Paperone: Bianco Papero, pubblicata per la prima volta nel 1970 negli Stati Uniti col titolo High Society, segna l’esordio della carriera di Paperino e Paperoga come giornalisti del quotidiano diretto da Zio Paperone. Il loro primo incarico è compiere un reportage della prima di uno spettacolo lirico in città. Tuttavia, quello che sembra un incarico semplice e tranquillo è destinato a diventare un disastro.

Gli autori sono Dick Kinney come sceneggiatore e Tony Strobl alle matite.

Perché è una “prima volta”? Perché è la prima avventura di Paperino e Paperoga come redattori del Papersera, che diventerà il protagonista di numerose storie negli anni a venire.

Le comiche giornalistiche

Nella storia che ha dato gli albori allo storico giornale di Paperopoli, la prima caratteristica che si nota è il tono umoristico con cui è narrata la vicenda. Dick Kinney è un autore che ha iniziato la sua carriera nel campo dell’animazione, e per questo è possibile riconoscere alcuni elementi propri dei cortometraggi Disney anche nelle sue storie a fumetti. In Zio Paperone Bianco Papero vediamo una serie di gag che suscitano il riso in maniera semplice e immediata, grazie al fatto che i personaggi si ritrovano alle prese con svariati equivoci e mettono in atto azioni assurde.

Potrebbe interessarti anche: 5 curiosità sul Papersera

La scelta di Paperino e Paperoga come “strana coppia” protagonista della storia sembra naturale, grazie al contrasto che si innesca tra il primo, più razionale, e il secondo, estremamente strampalato. Gli autori giocano coi personaggi, dando il giusto spazio a entrambi, riuscendo a coinvolgere anche Zio Paperone in corso d’opera.

La storia riesce a creare situazioni comiche anche usando come spunto la natura di animali antropomorfi dei protagonisti. In questo senso, le gag dove i paperi vengono confusi con delle vere oche sono ben orchestrate e dimostrano la potenzialità umoristica dei personaggi, che va oltre i meccanismi più semplici dell’umorismo slapstick.

zio paperone bianco papero paperoga
zio paperone bianco papero oche

I disegni di Tony Strobl

zio paperone bianco papero paperoga

Per la riuscita di una storia comica illustrata come quelle a fumetti, l’aspetto grafico è una componente fondamentale, dovendo contribuire alla resa scenica dei siparietti. Da questo punto di vista, Tony Strobl si rivela una scelta appropriata.

Il fatto che sia stato definito come uno degli eredi di Carl Barks non è casuale: a un primo impatto è possibile notare come il suo stile ricordi quello dell’Uomo dei Paperi negli anni ’60, ossia con linee più pulite e poco dettagliate. La linea semplice del disegno contribuisce alla leggerezza della storia: non si tratta di una lettura impegnativa che richiede occhio e attenzione per tutti i particolari, ma di un disegno che comunica immediatamente il messaggio.

Pur con alcune somiglianze rispetto a Carl Barks, Tony Strobl ha un suo tratto personale che ben si adatta al tono narrativo di Zio Paperone Bianco Papero. I suoi personaggi sono realizzati in maniera sinuosa e rotondeggiante, uno stile contribuisce ad accentuare l’aspetto caricaturale delle figure da lui disegnate.

In favore della risata

Come visto, il tono generale di Zio Paperone: Bianco Papero punta principalmente sulla comicità, utilizzando il mondo del giornalismo come punto cardine intorno al quale fare ironia. L’intento dei due autori era proprio questo, di descrivere in chiave umoristica le vicissitudini interne alla redazione di un giornale.

In questa prima storia il tema della satira sul mondo del giornalismo inizia a essere esplorato parzialmente: potremmo considerarla difatti un “apripista” per le avventure successive. Inizialmente sprovvisto di nome, il quotidiano di Zio Paperone diventerà il Papersera, protagonista di numerose storie, in cui il lavoro del redattore viene declinato sotto diversi aspetti: dai problemi nel farsi rilasciare interviste da alcuni personaggi famosi, alla ricerca di notizie “per forza” in quanto un quotidiano deve essere in edicola tutti giorni, fino alla difficoltà -purtroppo spesso reale- di farsi corrispondere un adeguato compenso.

Potrebbe interessarti anche: “Io, giornalista, ho apprezzato lo speciale di Topolino sul giornalismo”

In conclusione, Zio Paperone: Bianco Papero è una storia che, al netto della sua semplicità rispetto ad altre grandi saghe del fumetto Disney, ha il merito di aver introdotto il Papersera, arricchendo la vita paperopolese, ponendo la base per numerosi spunti narrativi successivi e -motivo ultimo ma non per questo da sottovalutare- regalandoci delle risate spontanee e spensierate.

Guido Romeo

Immagini © Disney

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ultimi articoli

Articoli correlati

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di ventennipaperoni.com.

L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com