Disney si fa horror: oltre i cancelli di Horrifikland

Qual è la regola aurea di ogni horror che si rispetti? Sì, anche se parliamo di un horror Disney, mai, mai, mai separarsi, soprattutto se si è i protagonisti. Soprattutto in un (simil) cimitero. Soprattutto di notte.
Horrifikland è l’ottavo volume della collezione che la francese Glénat ha dedicato ad alcune avventure Disney. In Italia, parte della collezione è edita da Giunti ma -almeno al momento- non questo volume, che ho letto in lingua originale.

Horror, gag e gatti sperduti

La storia di Lewis Trondheim vede Mickey, Donald e Dingo (alias Topolino, Paperino e Pippo) impegnati a sbarcare il lunario con un’agenzia di investigazioni. Purtroppo i clienti non sono molti e anzi gli affari vanno piuttosto male, quando ecco la svolta: una dolce vecchina dalle pippidi sembianze arriva in agenzia con un caso per i tre detective.
Horrifikland signoraUn furto? Un mistero? Un pedinamento? No, è scomparso Blacky. Blacky è un gatto. E il gatto si è andato a infilare in un vecchio parco divertimenti semi abbandonato dall’inquietante nome di Horrifikland. Per farla breve, i tre detective si equipaggiano di tutto punto e non senza qualche titubanza si avventurano nel parco. È proprio mentre il sole tramonta e i colori virano al blu che l’horror ha inizio.
Topolino, Paperino, Pippo a Horrifikland

HorrifiklandLa storia riporta alla mente le atmosfere di due grandi classici: Topolino nella casa dei fantasmi (The Seven Ghost), storia a strisce di Floyd Gottfredson e Ted Osborne, del 1936 e il cortometraggio d’animazione dell’anno successivo Topolino e i fantasmi (Lonesome Ghosts), di cui vi abbiamo già parlato nell’articolo sull’horror Disney.
Alle illustrazioni Alexis Nesme. Personaggi dal sapore e dall’abbigliamento vintage, tonalità seppia che conferisce una deliziosa patina antica ma non vecchia. Curioso è come i colori preponderanti cambino al variare dell’atmosfera e dello stato d’animo: si va dal tranquillo color seppia-dorato iniziale, a un pauroso blu e a un allarmante rosso, per tornare poi ai rassicuranti colori da cui tutto era partito.
Passando per un inquietante laboratorio, un vascello di fantasmi, gustose illustrazioni a tutta pagina ricche di dettagli, tra presenze spiegabili e presenze meno spiegabili, in quest’avventura ci viene dimostrato ancora una volta come chi sia effettivamente da temere siano le pers i gatt insomma: certamente non dei fantomatici fantasmi.Topolino, Paperino, Pippo spaventati

Marta Leonardi

Immagini © Glénat, Disney

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ultimi articoli

Articoli correlati

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di ventennipaperoni.com.

L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com