Giulio Chierchini ci lascia all’età di 91 anni

Nella serata del 18 agosto 2019, Giulio Chierchini si spegne. Alla veneranda età di novantuno anni, il più anziano dei Disney Italiani viventi aveva posato la matita da meno di due anni, dimostrando la propria passione e forza fino all’ultimo. Disegnatore, ma anche autore e pittore, ha accompagnato per mano tre generazioni di autori.
Una foto di Giulio Chierchini, già avanti nell'età. Fonte: Topolino Magazine.
Una foto di Giulio Chierchini, già avanti nell’età. Fonte: Topolino Magazine.

Era una giornata d’ottobre del 1953, quando, ai disegni di Paperino e il suo fantasma (AO 53042), debuttarono assieme due futuri Maestri Disney: Giovan Battista Carpi e Giulio Chierchini. Dei due, uno si spegnerà precocemente, mentre l’altro continuerà a vedere il proprio lavoro pubblicato fino agli inizi di quest’anno, attraverso una serie di tavole autoconclusive appartenenti al ciclo Operazione Deposito.

Vignetta da I Promessi Paperi, di Giulio Chierchini.
Vignetta da I Promessi Paperi, di Giulio Chierchini. ©Disney

Nel mezzo, tutto. Giulio Chierchini fu capace di toccare ogni corda della storia di Topolino con il proprio inconfondibile stile, fatto di piroette e stelle espressive. Sue tante delle liti tra PaperinoAnacleto (di cui fu tra i massimi autori), sue tante delle parodie che hanno cresciuto i lettori. Tra queste sicuramente spiccano I Promessi Paperi (TL 1086-1087)L’inferno di Paperino (TL 1654). Quest’ultima in particolare fu una delle storie che l’autore realizzó attraverso una tecnica pittorica mista a base di olio, acquarello e aerografo.

Copertina di debutto di Little Gum (personaggio di Giulio Chierchini) con lo strillo dedicato alle storie dipinte.
Copertina di debutto di Little Gum (personaggio di Giulio Chierchini) con lo strillo dedicato alle storie dipinte. ©Disney

Eclettico autore con oltre  quattrocentocinquanta storie pubblicate e un Premio Papersera, ha terminato la propria corsa con autori molto più giovani di lui, come FontanaStabileBosco, diventando a tutti gli effetti un raccordo tra generazioni. Un’importanza tale da rendere impossibile non dispiacersi per una simile dipartita, nonostante abbia avuto la fortuna di seguire la propria passione fino alla fine.

Grazie, Maestro.

(Kappa Jack)

Tutte le immagini sono ©Disney e degli aventi diritti.

Precedente In cucina con Nonna Papera: la pizza spaziale! Successivo SIDE by SIDE: Giorgio Cavazzano al PAFF di Pordenone