Crea sito
In cucina con Nonna Papera: la pizza spaziale!

In cucina con Nonna Papera: la pizza spaziale!

Agosto: tempo di vacanze

Paperino però anche quest’anno non è riuscito a partire per mancanza di fondi, e così si ritrova da solo in una Paperopoli svuotata. I nipotini sono al campeggio delle Giovani Marmotte, Gastone ha vinto come viaggio premio l’ennesima crociera, Paperina è in vacanza con il club delle ragazze, lo Zione sta progettando un piano per stracciare Rockerduck… persino Paperoga è partito!

Pizza 3

Come dici? Anche tu sei rimasto in città?

E allora cosa c’è di meglio che consolarsi con una bella pizza ispirata ad una ricetta di Paperino? Qualcuno di voi avrà capito che la storia a cui questa ricetta è ispirata è Paperino e le ferie spazialiapparsa su Topolino 1909.

In questa divertente storia il nostro sfortunato eroe si ritrova da solo in città, e per questo decide di cucinare una bella pizza da condividere con i suoi parenti più stretti, ma si rende conto che sono tutti fuori città per le vacanze.

Per fortuna un simpatico abitante di Saturno atterrerà proprio a Paperopoli e dopo aver gradito l’assaggio di questa fantomatica pizza porterà il nostro eroe in vacanza su Saturno e… la pizza di Paperino conquisterà anche i saturniani!

Questa storia è in grado di provocare una fame stratosferica, con tutte le margherite con mozzarella filante che vengono cucinate da Paperino per i suoi amici extraterrestri!

Insomma vi invito a rileggere ( se già la conoscete) questa storia o a recuperarla se non l’avete mai letta, e poi a gustare insieme questa ricetta.

paperino, pizza

INGREDIENTI (per circa due pizze):

Per l’impasto

400 gr di farina di Manitoba o tipo 00

30 gr di olio extravergine di oliva

250  gr di acqua a temperatura ambiente

25 gr di lievito di birra

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di sale

Per la farcitura

300 gr di mozzarella circa

Passata di pomodoro q.b

Foglie di basilico a piacere

Un filo d’olio extravergine d’oliva

 

Un consiglio! Mettete a sgocciolare la mozzarella qualche ora prima di cuocere la pizza, altrimenti rischiate che perda troppo liquido durante la cottura! Potete farlo da prima di iniziare a preparare l’impasto.

Come preparare l’impasto

In una ciotola capiente iniziamo ad unire le polveri: la farina, il lievito, lo zucchero e il sale. Mescoliamo in modo omogeneo. Successivamente aggiungiamo l’olio, continuando a mescolare con delicatezza. In seguito aggiungiamo gradualmente l’acqua, iniziando ad impastare con le mani fino ad ottenere un impasto compatto. Se necessario aiutatevi con un piano da lavoro, magari usando della carta forno o della farina per far si che la pasta non si attacchi. Alla fine dovreste aver ottenuto una risultato simile.

Infine riponete l’impasto nella ciotola capiente, leggermente oleata.

Copriamo l’impasto con un tessuto per far si che non vi finisca nulla sopra.

Lasciate lievitare per almeno quattro ore.

 

Dopo la lievitazione

Una volta trascorse le quattro ore l’impasto avrà questo aspetto. Prima di procedere alla lavorazione dell’impasto preriscaldiamo il forno a 220°.

 

Ora possiamo procedere con la preparazione della pizza – o pizze, a seconda del quantitativo di pasta realizzato. Prendiamo una parte dell’impasto e iniziamo a stenderlo con un matterello, fino ad ottenere la classica forma tonda della pizza, poi ripieghiamo i bordi per formare il cornicione, come vedete in foto. Infine bucherelliamo al centro con una forchetta per evitare che la pizza si gonfi durante la cottura.

Prima di infornare la nostra pizza, cospargiamola di salsa di pomodoro. La mozzarella personalmente preferisco aggiungerla dieci minuti prima che la pizza sia pronta, quindi la inserisco successivamente rispetto alla salsa di pomodoro, ma questo dipenderà anche dalle caratteristiche del vostro forno. La cottura durerà circa 20-25 minuti, ma anche in questo caso non esistono regole universali, quindi vi consiglio di dare un’occhiata al vostro forno per evitare di bruciarla.

Dopo circa 15 minuti tiriamo fuori la pizza e cospargiamola con la mozzarella che avevamo precedentemente sgocciolato per bene.

Va da sé che potete farcirla a vostro piacimento; io ho preferito realizzare una classica pizza margherita per restare fedele alla storia di Paperino a cui mi sono ispirata.

Una volta pronta, quando la pizza sarà ben dorata, tiriamola fuori dal forno e aggiungiamo delle foglie di basilico fresche e profumate. Ed ecco a voi il risultato!

Pizza 1

 

Ora potete invitare amici e parenti a gustare della vostra buonissima pizza spaziale, o se siete rimasti soli in città potrete consolarvi con questa bontà, magari leggendo un bel fumetto e rilassandovi alla grande!

Chi lo ha detto che bisogna per forza andare in vacanza per godersi le ferie? A volte le piccole cose- e soprattutto i buoni piatti- possono davvero ritemprarci anche senza allontanarci da casa.

Buon appetito a tutti!

Giulia Donatelli

 

 

 

 

Giulia Donatelli

Dopo gli studi sogna di trasferirsi a Paperopoli ed avere un deposito pieno di tre ettari cubici di denaro. E' una disgustosa ostentatrice di plutocratica sicumera, nonché studentessa di Scienze dell'educazione, appassionata di arte, teatro, letteratura, fotografia, viaggi e fumetti Disney. Ogni tanto si diverte a pasticciare tra i fornelli per scoprire tutti i segreti delle ricette di Nonna Papera.
Close Menu