INDUCKS for dummies (ovvero: guida pratica all’utilizzo del COA)

 Come utilizzare l’indice INDUCKS e il COA, il suo motore di ricerca

Questa mini-guida è pensata per fornire a tutti quelli che si avvicinano al dorato mondo del collezionismo di fumetti Disney le basi per potersi servire con sicurezza di questi indispensabili strumenti; vediamo insieme come utilizzarli al meglio.


Cos’è INDUCKS?

INDUCKS è un indice online contenente le informazioni fondamentali della produzione fumettistica Disney mondiale in ogni momento della sua storia. L’indice fu fondato in Europa (Svezia e Germania, per essere precisi) negli anni Novanta, e ha subito continue migliorie e aggiornamenti, oltre ovviamente al costante ampliamento dell’indice stesso a opera degli utenti. A tutt’oggi vanta più di 150.000 pubblicazioni appartenenti all’editoria di tutto il mondo. Attenzione: essendo un indice NON è un sito su cui leggere storie gratis, scordatevelo. Contiene le principali informazioni su storie, autori e pubblicazioni, ma non le storie stesse.

“INDUCKS” originariamente era un nomignolo scherzoso nato dalla fusione tra “INDEX” e “DUCKS”, ma nel 2008 venne ufficializzato l’acronimo con cui oggi l’indice è noto, ossia International Network of Disney-Universe Comic Knowers and Sources. Dal 2001 il motore di ricerca per navigare nell’indice è il COA, che viene aggiornato frequentemente.

INDUCKS: a cosa serve?

Serve a un sacco di cose, ma sostanzialmente a:

  • Trovare il titolo di una storia
  • Scoprire in quali albi una certa storia è stata stampata o ristampata
  • Scoprire l’elenco delle storie di un autore/disegnatore
  • Scoprire l’elenco delle storie in cui compare un certo personaggio
  • Scoprire l’indice delle storie di un certo albo
  • Scoprire l’elenco degli albi pubblicati in una data collana o testata
  • Scoprire l’elenco delle collane o testate pubblicate in un certo Paese (in corso di pubblicazione o già chiuse)
  • Scoprire l’elenco dei Paesi del mondo che pubblicano, o hanno pubblicato, fumetti Disney

Poiché le informazioni legate ai dati che ho qui elencato (titolo/codice storia, autori, testate, Paesi ecc.) sono TUTTE indicizzate, grazie al COA è possibile effettuare ricerche incrociate che consentano con un notevole margine di sicurezza di risalire all’informazione che si cerca in brevissimo tempo (purché l’informazione stessa sia stata indicizzata).

Una simpatica feature del COA è la “TOP 100”, ossia l’elenco delle 100 migliori storie Disney di tutti i tempi votate dagli utenti di INDUCKS; questa classifica è dominata dalle storie di Barks, ma sono presenti anche alcuni capolavori di Don Rosa, Gottfredson, Scarpa, Martina, Casty e Cimino, tra gli altri.

Come usare il COA: la ricerca base

Il COA, come tutti i motori di ricerca, mette a disposizione una serie di campi entro i quali è possibile cercare le informazioni richieste.

Appena apriamo il link per accedere a INDUCKS ci troviamo davanti a questa schermata:

inducksUsare il COA è semplicissimo. Se ad esempio non sappiamo, o non ci ricordiamo, il titolo della storia del “ktinn-ktann” di Faccini, basta scrivere “Paperino” nel campo dei personaggi, “Enrico Faccini” in quello degli autori e, appunto, “ktinn ktann” (qui)  nel campo del titolo/parola chiave. Si preme il pulsante di ricerca, e il COA trova subito quello che ci occorre.

inducksSarebbe naturalmente possibile limitarsi a eseguire una ricerca inserendo nel COA solo i dati “Paperino” e “Faccini” o anche uno solo dei dati, ma l’elenco diventerebbe ben più chilometrico. Effettuare una ricerca incrociando più dati possibile garantisce un risultato rapido e accurato.

Ricerca per storia

Le informazioni che il COA riporta per ciascuna storia indicizzata ne costituiscono, per così dire, la carta di identità e sono estremamente preziose per l’aspirante collezionista. A titolo d’esempio, riporto qui la pagina del COA relativa a “Zio Paperone e la Stella del Polo” (qui) di Barks, che è uno degli esempi più completi della quantità di informazioni che INDUCKS è capace di fornire.

inducksTroviamo dunque il titolo in inglese in alto e subito sotto i codici delle pubblicazioni precedenti e successive segnalate con delle frecce che vanno indietro e avanti.

La prima importante informazione che il COA ci fornisce è il codice storia. Questo è il codice identificativo contenente le più importanti informazioni legate alla storia stessa dal punto di vista editoriale e tipografico. In questo caso abbiamo il seguente codice:

W OS 456-02

dove la prima cifra identifica il Paese di prima pubblicazione (W = Stati Uniti), la seconda la testata di prima pubblicazione (OS = One Shots), la terza il numero dell’albo (in questo caso, One Shots n. 456) e l’ultima, separata da un trattino, la posizione della storia all’interno dell’albo. Così, “Zio Paperone e la Stella del Polo” viene codificata come “la seconda storia sull’albo numero 456 della testata americana One Shots”.

N.B: tutte le storie indicizzate su INDUCKS sono codificate in questo modo

Per esempio, “Zio Paperone e l’isola senza prezzo” (qui) è codificata I TL 2956-2 (Italia, Topolino Libretto n. 2956, seconda storia); “Topolino e la marea dei secoli” (qui) è I TL 2918-2P (dove la 2 indica che si tratta della seconda storia dell’albo mentre la P che si tratta di una storia a puntate. In tal caso l’intera storia viene codificata con il numero dell’albo in cui è presente la prima puntata); “Paperino e le lenticchie di Babilonia” (qui)  è I TL 250-AP (la sigla AP indica che la storia è divisa in due puntate di cui la seconda è nell’albo successivo: infatti, le “Lenticchie” sono divise tra TL 250 e 251); “Evroniani” è I PKNA 0-1, e così via.

Le informazioni successive riguardano la tipologia della pubblicazione originale (in questo caso “US comic books”), il titolo originale, il protagonista, il numero di pagine, il tipo di gabbia, l’elenco dei personaggi (qui “1st” indica la prima apparizione di Doretta Doremì e del suo orso da guardia Cappuccetto Nero), l’autore/disegnatore, la data di prima pubblicazione della storia completa e eventualmente (come in questo caso) la data di pubblicazione della prima striscia sui quotidiani.

Più in basso troviamo un elenco dei riferimenti a questa storia negli articoli e negli editoriali di svariate testate:

inducksVista l’importanza di questa particolare storia, l’elenco è imponente; si notano, tra gli altri, i codici DPCS che identificano “La Grande Dinastia dei Paperi”, l’omnia di Barks uscita con il Corriere della Sera.

La classifica del COA

Proseguendo verso il basso, abbiamo il piazzamento della storia nella classifica degli utenti del COA e una serie di brevi descrizioni, spesso in varie lingue:

inducksCome si vede, la classifica del COA non interessa solo le prime 100 storie, che costituiscono la TOP 100; “Zio Paperone e la Stella del Polo” è attualmente in prima posizione (in effetti lo è da quando è stata istituita la classifica) il che la rende, secondo gli utenti del COA, la più bella storia a fumetti Disney di tutti i tempi.

L’elenco delle pubblicazioni

Subito dopo troviamo una sezione a dir poco fondamentale: l’elenco delle pubblicazioni. Qui si trovano elencati tutti gli albi, divisi per nazione, che nel corso degli anni hanno pubblicato o ristampato la storia in questione fra le proprie pagine. Una barra di selezione facilita l’utente a spulciare l’elenco.

inducksTroviamo dunque l’elenco delle pubblicazioni della storia che stiamo analizzando, per ciascun Paese di pubblicazione. Ad esempio, questa è la lista delle pubblicazioni italiane della “Stella del Polo”:

inducksScorrendo l’indice è interessante notare come l’Italia sia il Paese con il maggior numero di pubblicazioni di questa storia al mondo, per un totale di 21, un quantitativo nettamente superiore a quello degli stessi Stati Uniti, dove il capolavoro di Barks è stato edito “solo” 13 volte.

L’importanza di un tale elenco per un collezionista è evidente: in questo modo gli sarà possibile sapere esattamente quali albi cercare per trovare la storia che gli interessa.

L’elenco delle scansioni

Infine, troviamo un elenco di scansioni (di norma la prima tavola della storia, oltre eventualmente a qualche particolare vignetta) che presentano l’aspetto grafico e testuale della storia secondo i vari Paesi di pubblicazione, se ce n’è più di uno.

Esattamente come per le storie, anche gli albi di una testata, i volumi di una collana, i vattelapesca eccetera hanno una loro scheda identificativa. Per individuarla è possibile procedere in due modi:

  • nell’elenco pubblicazioni di una storia, cliccare sul link dell’albo/volume che vi interessa
  • usare il COA inserendo il Paese di pubblicazione, il titolo dell’albo/volume e, se lo conoscete, il numero

In quest’ultimo caso, consiglio di utilizzare la funzione “ricerca avanzata” che offre un’assai maggiore profondità di ricerca, dandovi la possibilità di inserire dati anche molto dettagliati (anno di pubblicazione, casa editrice, collana, eventuale titolo dell’albo, numero di pagine…):

inducks

Ricerca per singolo volume

Ora analizziamo la scheda INDUCKS di un singolo volume. Prendiamo ad esempio la “Black Edition” dedicata a Tito Faraci. Una volta aperta la scheda del volume ci troveremo innanzitutto di fronte alle seguenti informazioni:

inducksTroviamo cioè il Paese di pubblicazione, il titolo, il nome della testata e il numero. Accanto all’immagine di copertina, troviamo informazioni quali la casa editrice, la data di uscita, il prezzo di copertina, il numero di pagine eccetera. Di solito, come in questo caso, è anche presente una breve descrizione del volume stesso.

L’indice dei contenuti del volume

Di seguito, troviamo una sezione assai importante, ossia l’indice dei contenuti del volume, evidenziati tematicamente con colori differenti.

Il giallo identifica la copertina o l’illustrazione singola, l’azzurro le storie (tutte dotate del loro codice identificativo tramite il quale si può aprire la relativa pagina), il grigio gli articoli, gli editoriali e i commenti, eccetera; una legenda aiuta a raccapezzarsi. Per ciascun elemento dell’indice è dato il titolo o la descrizione, il numero di pagine, gli autori, l’elenco pubblicazioni, la lista dei personaggi, un commento e la scansione della prima tavola, se si tratta di una storia.

Questa funzione del COA è estremamente utile se, ad esempio, siete in dubbio se acquistare o meno un albo o un volume alla cieca, poiché ignorate quali storie contenga: ebbene, grazie a queste informazioni vi sarà facile risolvere la situazione.

La ricerca per autore

Come per gli albi e i volumi, anche gli autori hanno la loro pagina e il loro indice, che funzionano precisamente nello stesso modo. Questa, per esempio, è la scheda di Cimino:

Cliccando su “Indice” comparirà l’elenco completo di tutte le storie scritte/disegnate/inchiostrate dall’autore in questione (nel caso di Cimino, le prime 11 sono alcune di Scarpa inchiostrate da lui):

Oltre all’indice, ci sono alcune interessanti funzioni di ricerca come le statistiche (utili per farsi un’idea della produzione quantitativa di un autore) e le storie più belle secondo gli utenti del COA. L’utilità della ricerca per autore è manifesta nel caso in cui si vogliano collezionare le storie scritte o illustrate dall’autore che ci interessa.

La ricerca per personaggio

Allo stesso modo, anche i personaggi Disney hanno schede ed elenco delle storie in cui compaiono. Ecco la scheda di Paperinik, per esempio:

Interessante è la colonna a destra, con l’elenco dei vari nomi internazionali del personaggio. Cliccando su “indice” apparirà la lista delle storie, immagini, illustrazioni, copertine, articoli in cui il personaggio appare, in veste di protagonista, antagonista, comparsa e così via.

Questo indice, ça va sans dire, si comporta esattamente come quello degli autori.

La ricerca per testate

Per conoscere l’elenco completo dei numeri di una testata, è sufficiente cliccare sul link corrispondente nella scheda di una storia o di un albo:

Nel caso di testate dotate di numerazione imponente, come Topolino Libretto, I Grandi Classici Disney o Paperino, l’elenco è suddiviso per centinaia.

L’elenco delle testate di ciascun Paese è accessibile cliccando sulla voce “Pubblicazioni” nella barra del menù in alto.

inducksPer inciso, questa barra è utilissima per accedere rapidamente agli elenchi in ordine alfabetico di personaggi e autori. Comunque, facendo clic, comparirà questa schermata:

Questo è l’elenco di tutti i Paesi al mondo che pubblichino, o abbiano pubblicato in passato, fumetti Disney. L’Italia è attualmente seconda solo agli USA per numero di testate.

Altre ricerche

Si può anche effettuare la ricerca per anno o per casa editrice, ma ritengo che cercare per Paesi sia più comodo. Se si fa clic sul Paese che interessa, si aprirà la lista delle pubblicazioni in corso o cessate, divise per categorie.

Come si può vedere, è possibile navigare nell’indice anche secondo altri criteri che non siano quello di categoria (per casa editrice, per esempio, in ordine alfabetico o cronologico). Basta scegliere la categoria che si vuol analizzare e comparirà il relativo elenco, in questo caso alcune delle testate regolari italiane attualmente in corso.

Questo è tutto. Ho cercato di sintetizzare le principali funzioni del COA e la natura dei dati che INDUCKS può offrire, ma come sempre l’abilità deriva dalla pratica, perciò consiglio di servirvi del COA il più possibile e utilizzare questo formidabile strumento vi sarà molto semplice.

TI È PIACIUTO? SCARICA LA GUIDA IN .PDF

Autore: Stefano Crosazzo
Trascrizione: Alessandra de Marchi

immagini © Disney e I.N.D.U.C.K.S. https://inducks.org

Precedente Brigitta, una di noi! Successivo Isabella Di Leo: il cancro a fumetti e l'amore per Zio Paperone

Lascia un commento