Dracula parlerà americano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

La nave fantasma che porta le casse piene di cumuli di terra della Transilbarbabietolania, stavolta sbarca in territori statunitensi. Dalle vecchie assi del galeone scende Dracula vestito da lupo? No, stavolta è un Cavallo Oscuro!

È la Dark Horse, infatti, a importare nei buon vecchi Stati Uniti la storia Dracula di Bram Topker, che, nel 2012, riunì per la prima volta Bruno EnnaFabio Celoni, coadiuvato da una splendida Mirka Andolfo. La coppia confezionerà in futuro altri due racconti del genere, partorendo quella che è conosciuta come la Trilogia Horror Disney. Ma prima di Dottor RatkyllDuckenstein, fu proprio il vampiro per eccellenza ad esordire sulle pagine dei Topolino 2945 e 2946.

Dopo varie edizioni nel resto d’Europa, finalmente, il 17 luglio di quest’anno, anche gli anglofoni d’oltreoceano avranno l’occasione per leggere una delle storie più belle degli ultimi anni del panorama Disney Italia.

Prima e dopo la cura Andolfo.

Sinossi

L’adattamento del romanzo horror per eccellenza si apre in maniera simile all’originale, con l’arrivo di Jonathan Ratkee (Topolino) nella Transilbarbabietolania dominata dal castello del conte Dracula (Macchia Nera), con cui dovrà scontrarsi non senza l’aiuto di Minnina Pippo Van Helsing. Le straordinarie atmosfere di Celoni sono sostenute dal particolare guizzo inventivo di Enna, che saprà trovare il giusto escamotage per eludere i cruenti tratti del libro originale, senza però privarlo del proprio significato più profondo. Almeno quanto le radici delle barbabietole!

(KAPPA JACK)

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ultimi articoli

Articoli correlati

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Le opinioni espresse dai singoli autori negli articoli sono a titolo personale e non rappresentano in alcun modo il pensiero dello staff di Ventenni Paperoni.

Tutto il materiale eventualmente coperto da copyright utilizzato è usato per fini educativi ai sensi dell’art. 70 della legge 633/41 sul diritto d’autore. Qualora i titolari volessero rimuoverli possono comunicarlo via e-mail e provvederemo subito alla conseguente rimozione o modifica.

E-mail: redazione@ventennipaperoni.com