Addio ad Alberico Motta, storico fumettista italiano

Ci lascia all’età di 81 anni il fumettista ed illustratore italiano Alberico Motta, storico autore della Bianconi. Negli anni Ottanta scrisse più di settanta storie per Topolino.

Nato a Monza nel 1937, Alberico Motta ha dato un prezioso contribuito nel campo del fumetto umoristico italiano. Ha collaborato con il disegnatore Pierluigi Sangalli nella realizzazione di storie dedicate al personaggio di Geppo e nell’edizione italiana di Braccio di Ferro. Nei molti anni di attività ha scritto e disegnato storie di Tiramolla per le Edizioni Alpe, per poi proseguire con Nonna Abelarda, Pinocchio, Felix e Tom & Jerry.

alberico motta ha contribuito a disegnare la serie a fumetti di pinocchioAlberico Motta è anche noto per essere l’autore di Big Robot, primo tentativo italiano in risposta al successo dei celebri manga giapponesi tanto di moda negli anni Ottanta. Dal 1981 ha intrapreso una proficua collaborazione con la Mondadori realizzando una settantina di storie con protagonisti Topolino e Paperino e disegnando alcune copertine di videocassette dei cartoni animati Disney.

big robot di alberico motta

Tra le produzioni Disney di Alberico Motta ci teniamo a ricordare Paperina nel fantastico mondo di Ot (1987), illustrato nel suo peculiare e suggestivo stile, e Lo strano caso del Dottor Paper e di Mister Paperyde (1984). Quest’ultima grande parodia è stata poi riproposta nel 2014 da Bruno Enna e Fabio Celoni in versione “topo” ne Lo strano caso del Dottor Ratkyll e di Mr Hyde, qui recensito.

Prima di dedicarsi definitivamente alla grafica pubblicitaria, Motta si è impegnato nello studio della tecnica digitale in ambito di illustrazione, ha sperimentato la colorazione a computer e ha realizzato il primo fumetto digitale della Disney.

 

Alessandra de Marchi

immagini © Mondadori e Editoriale Metro

Precedente Bum Bum Ghigno o l'elogio del disagio Successivo ARFestival: scrivere per tutti!

Lascia un commento