Crea sito

La fagiolata del pioniere e i sapori di altri tempi

La ricetta che vi propongo oggi è talmente gustosa e antica che riuscirà a farvi provare le stesse sensazioni e gli stessi sapori genuini che tanto amavano i pionieri come Zio Paperone, ai tempi della corsa all’oro.

Diciamocelo: nelle storie in cui viene nominato questo piatto, tutti noi abbiamo provato un certo languorino, forse accompagnato da una forte nostalgia per i sapori genuini di un tempo, quando il cibo non era preconfezionato, pronto da scaldare, bensì un vero e proprio ristoro dalle fatiche della vita, una fonte di gioia e di energia, capace di ritemprare il vero cercatore dal duro lavoro di tutti i giorni. Solitamente la fagiolata del pioniere veniva consumata sotto un cielo stellato, magari attorno a un fuoco, sognando il giorno in cui la tanto attesa ricchezza sarebbe finalmente giunta.

Vignetta in cui Paperino parla della fagiolata

Ma prima di gustare la delizia di questa ricetta, vi invito a riscoprire una storia che ha come protagonista il piatto che ci accingiamo a preparare: Zio Paperone e i fagioloni di Vulcania, apparsa la prima volta nel 1988 su Topolino 1713, storia che vi invito a rileggere o a recuperare nel caso in cui non la conosceste. Protagonisti di questa storia sono degli enormi fagioloni, dal peso di una tonnellata, che crescono nel remoto paese di Vulcania: una vera leccornia!

Noi Ventenni Peperoni l’abbiamo cucinata per voi, ecco il video!

INGREDIENTI

Per questa ricetta non vi indicherò dosi precise; non occorrono pesature al grammo! Le dosi che leggerete sono indicative per quattro cercatori all’incirca.

Per il dosaggio preciso vi consiglio di seguire il cuore e soprattutto lo stomaco: il vero segreto della bontà del piatto sta nella scelta degli ingredienti, che dovranno essere il più possibile naturali e genuini.

 

400 gr di fagioli in scatola

200 gr di pancetta

600 ml di passata di pomodoro 

sale e pepe q.b

una noce di burro

un bicchierino di whisky

cipolla per il soffritto

peperoncino q.b

 

PREPARAZIONE

Per prima cosa togliamo la pelle dalla pancetta e affettiamola.

Successivamente sminuzziamo la cipolla e il peperoncino, per speziare la nostra fagiolata. Regolatevi come preferite: se vi piace il piccante abbondate, altrimenti potete anche non utilizzarlo.

Subito dopo scoliamo i fagioli in uno scolapasta sotto l’acqua corrente. In una pentola antiaderente facciamo sciogliere la noce di burro a fuoco lento e aggiungiamo cipolla e peperoncino. Quando la cipolla sarà dorata, aggiungiamo la pancetta fresca a cubetti, che dovrà diventare ben rosolata. Subito dopo inseriamo nella padella i fagioli e il bicchierino di whisky, che dovrà sfumare. Una volta che sarà sfumato, aggiungiamo il sale e la passata di pomodoro, allungandola con un pochino di acqua.

Facciamo cuocere per circa quindici minuti, anche se il tempo è abbastanza indicativo. La fagiolata sarà pronta quando diventerà una morbida e tenera crema, ma al contempo i fagioli saranno solidi e compatti. Ricordiamoci di mescolare spesso, altrimenti il composto rischia di attaccarsi alla padella.

Il segreto?

Una volta che la fagiolata sarà pronta, lasciamola riposare per circa venti minuti prima di gustarla. In questo modo diventerà ancora più densa e cremosa.

Ed ecco qui la nostra fagiolata del pioniere, pronta per essere mangiata!


Potete servirla con una bella fetta di pane tostato, su cui versare la zuppa, oppure aggiungere della pasta: tutto a vostro piacimento!

Il piatto è pronto per farci assaporare i sapori genuini di un tempo, in compagnia di belle persone o di un buon fumetto!

Buon appetito, e alla prossima ricetta!

Giulia Donatelli

 

Immagini: © Panini Disney

Fonti:

https://inducks.org/story.php?c=I+TL+1713-B&search=zio%20paperone%20e%20i%20fagioloni%20di%20vulcania

Giulia Donatelli

Nasce in Molise nel 1996 e dal 1996 non ne può più di sentire battute sull'inesistenza del Molise. Unica erede del patrimonio topolinesco di famiglia, cresce sognando di assaggiare le frittelle di Paperino e da grande scopre di non essere la sola. La sua grande missione per la pagina? Portare sulle vostre tavole le pietanze dei fumetti Disney: la sua rubrica Ventenni Peperoni nasce proprio per questo. Scrive e supervisiona articoli e di tanto in tanto collabora per Ventenni Chiacchieroni.
Chiudi menu